News

9 maggio 2020

Alle ore 18:00, alle soglie dei 100 anni che avrebbe compiuto in giugno, Suor Alfredina Zambelli è tornata alla casa del Padre.
Tutti la ricordiamo gioiosa presenza del nostro Istituto in tutte le comunità dove ha vissuto. Sempre sorridente e con una parola affettuosa per ciascuno.
La accompagniamo con la nostra preghiera certe che “il Signore, via, verità e vita” la accoglie nel suo Regno di gioia senza fine.

Suor Alfredina Zambellli, pandinese purosangue, nasce nel 1920. L’11 giugno. Fra un mese avrebbe compiuto i 100 anni. Ma ieri sera, alle 18.00, attorniata dalle consorelle, ha emesso l’ultimo respiro, silenziosa, senza far rumore. Lei che di rumore ne aveva fatto tanto, nella sua lunga vita! Una persona di una carica vitale straordinaria, allegra sempre, vivace oltremodo, creativa e capace di costruire relazioni con tutti. Non c’era categoria di persone che non entrasse nel suo cuore: vicinissima ai bambini con quel suo modo gioioso di affrontare e vedere le cose; aperta e sincera con gli adulti, capace sempre di far vedere il lato bello della realtà; attenta fino alla fine ai malati, agli anziani, ai sofferenti. Ne sanno qualcosa gli anziani della casa di riposo Brunenghi di Castelleone, dove ha vissuto gli ultimi 14 anni della sua missione. Non li lasciava in pace, e se qualcuno stava male, lo andava a visitare più volte al giorno. E lei di anni ne aveva probabilmente più di loro!

Aveva lasciato Pandino nel 1940 per entrare nella Casa Madre delle Adoratrici di Rivolta d’Adda. Nel 1942 avevo emesso i voti: ciò significa che ha vissuto la sua consacrazione per 78 anni! Quando si dice fedeltà…

Memoria storica dell’Istituto, fino al giorno prima della sua morte la sua testa portava impressi nomi, volti, ricordi, particolari di tante sorelle e di tanti eventi della storia delle Adoratrici che solo lei ricordava… Come quando raccontava che nel 1932 era venuta a Rivolta con le sue suore di Pandino in bicicletta. C’era la solenne inaugurazione della statua di padre Spinelli che si trova nel chiostro di Casa Madre per del cinquantesimo di fondazione dell’Istituto. Lei c’era! E in quell’occasione si tenne una processione dalla chiesa parrocchiale. Lei e le sue amiche, per vedere meglio, si erano arrampicate sulle inferriate dell’osteria che si trovava nei pressi di Casa Madre!

Ha affrontato la sua malattia con una forza invidiabile. Era risultata positiva al Covid ma proprio il giorno prima della sua morte il tampone aveva dato esito negativo! Lo aveva vinto! Ma ormai le forze mancavano e il respiro che man mano veniva meno era solo il pretesto per ripetere: “Per le vocazioni, per i sacerdoti” e “Va bene così”. Solo sottovoce, quasi per non voler farlo pesare, a volte le scappava un “È dura la strada del Calvario” e poi un suo sorrisetto, come a voler prendersi gioco della sofferenza e della morte. E alla domanda: “Suor Alfredina, hai paura di morire?”, la sua riposta è stata: “Paura?!?! Ma si vive per questo, per morire, per andare dallo Sposo, per vivere per sempre”. “Sei contenta?”. “Molto! Grazie di tutto a tutti!”.

Scarica la partecipazione

LE NOSTRE PUBBLICAZIONI

ADORAZIONI

La nostra galleria fotografica

Copyright © 2014 Casa Madre Suore Adoratrici - Rivolta d'Adda - Cremona - Via S. Francesco d'Assisi, 16 - 26027 - Tel.: 0363 3791 - Fax: 0363 78011 - Mail: info@suoreadoratrici.it PRIVACY