Informativa Cookies

News

Accogliere la Parola è accogliere Gesù

casa madreDomenica 18 novembre 2018, dopo un “lungo” periodo estivo e dopo il grande momento, anzi i grandi eventi di grazia che abbiamo vissuto ed ancora viviamo per la Canonizzazione di padre F. Spinelli, la Fraternità Eucaristica Spinelliana (FES) si è ritrovata per il primo dei tre incontri previsti con Mons. Guido Calvi presso la Casa Madre delle suore Adoratrici a Rivolta d’Adda.

Il profeta Osea è il profeta minore che ci illuminerà nel cammino di questo anno 2018/2019. Grazie al sussidio “Là parlerò al suo cuore”, scritto da Madre Canopi, la sua lectio divina, ma soprattutto le spiegazioni di don Guido, ci sarà dato di rileggere l’intera storia dell’umanità in modo nuovo, alla luce della fede, quella che viene dall’alto. Dio dice ad Osea al cap.1: ”Io non esisto per voi”…in parole povere… la nostra vita senza Dio non regge! Anche noi stiamo vivendo in un tempo e mondo ateo, la tentazione di distinguerci dagli altri e al tempo stesso il voler essere come gli altri ci fa del male! La domanda “Io come mi rapporto con Dio? Sono al massimo? Sono contento? Sono sempre alla ricerca?” ci interpella. Israele è una sposa infedele e Dio si sente tradito dal suo popolo, ma, come si sa, Dio ATTIRA, SEPARA e PARLA. Lasciamoci ricondurre dunque all’esperienza dell’intimità, esperienza che due persone fanno eliminando ogni distanza. Il deserto è una dimensione dello Spirito e non di spazio, distoglierci dai rumori e stare con Lui è una necessità che tutti abbiamo e se vinciamo la paura, Lui ci fa capire che esiste! Prima di essere noi fedeli a Dio è Dio stesso che è fedele a noi. Accogliere la Parola è accogliere Gesù. Occorre capire la strada per arrivare all’intimità con Dio. Ecco che il deserto allora da luogo di prova diventa luogo di intimità e di dolcezza, esperienza di paradiso. Ecco dunque cosa faremo: scopriremo insieme qual’ è la funzione del deserto! Mettere a nudo il cuore, rivelarne i desideri segreti, fargli scoprire il bisogno essenziale di Dio perché si affidi alla Sua paterna provvidenza e, soprattutto alla sua misericordia…ecco a cosa ci invita il deserto.  Buon deserto a tutti e vi aspettiamo!!!

incontro 1 FES 2018-2019